Un grande successo la prima di The BigBeat

“Sold out” al debutto dello spettacolo ideato da Ivo Zorzi con le musiche dei Beatles

di Enrico Daniele
(foto per gentile concessione di The BigBeat)

Sabato 9 settembre al teatro San Tommaso Moro di Piombino Dese è andata in scena la prima assoluta di The Big Beat, l’opera musical-teatrale ideata e scritta da Ivo Zorzi con Francesco Boschiero, che ne ha curato anche la regia.

L’atmosfera tesa nei camerini, come si addice ad una prima assoluta, ha lasciato subito posto alla piacevole sorpresa degli attori e del regista quando si è aperto il sipario, svelando un teatro gremito in ogni ordine di posto.

La trama dell’opera prima di Zorzi racconta la storia d’amore tra Jude e Lucy e dell’amicizia con Wal, Robert e Jo-Jo, vissuta in un’America travagliata negli anni tra il ’60 e ’70, con le canzoni dei Beatles che fanno da colonna sonora alla storia dei due giovani.

Il racconto è un crescendo di emozioni che calamita l’attenzione del pubblico. Inizia con l’incontro tra Lucy, un’adolescente di Liverpool trasferitasi in America con la sua famiglia (ndr, interpretata da una brillante Linda Sperindio) e Jude, uno spensierato e timido giovane americano con la passione del football (ndr, impersonato da un bravo Francesco Zanlungo). I due ragazzi si amano, ma vivono la loro adolescenza in maniera diversa: Lucy più riflessiva, attenta ai movimenti pacifisti che nascono durante la guerra del Vietnam; Jude più distratto da ciò che gli succede attorno, preso dalla sua passione sportiva, ma che subisce l’amicizia di Wal (ndr, molto convincente l’interpretazione di Matteo Ongaro), una sorta di piccolo spacciatore che lo inizia alla sperimentazione delle droghe.

Le loro idee e la guerra separa inevitabilmente i due giovani. Jude, sollecitato da Robert ad arruolarsi (ndr, impersonato da un sostanzioso Pasquale Locurcio) viene dato per disperso in Vietnam. Lucy, sedotta dal capo dei pacifisti Jo-Jo (ndr, interpretato da Giacomo Biagetti, bravo nel rendere subdolo il personaggio attratto dalla bellezza di Lucy) partecipa alla lotta insieme al movimento ma, ancora innamorata di Jude, si dispera alla notizia che potrebbe non tornare vivo dal Vietnam.

La storia corre veloce, senza interruzioni, con la colonna sonora della Big Beat Band (ndr, Andrea Cagnin, chitarre, Mauro Bonaldo, basso, Lorenzo Turcotte, tastiere, Marco Perin, batteria) che ha rielaborato in maniera molto personale i brani dei Beatles, cantati da un superlativo Ivo Zorzi che in questa occasione fa conoscere al pubblico anche le sue grandi doti recitative.

La sala risponde prontamente alle emozioni dello spettacolo, sottolineando con una lunga serie di applausi le scene, impreziosite dalle coreografie del corpo di ballo Ensemble che fanno da contorno agli attori della compagnia Arte Povera.

Tutto finisce bene come tutte, o quasi, le storie d’amore e la prolungata “standing ovation” del pubblico corona l’ottimo esordio dell’opera che verrà replicata in altri teatri.

Nei camerini è palpabile la soddisfazione di Zorzi, Boschiero e di tutti gli interpreti: “È stata un’emozione unica ed inaspettata – dichiara emozionato Zorzi – Il nostro timore era che il pubblico non cogliesse subito la peculiarità dello spettacolo, che avevamo voluto diverso da un musical e da una rappresentazione teatrale e che allo stesso tempo non fosse percepito come un concerto con le musiche dei Beatles. Il dubbio nasceva dal fatto che, in fase di prevendita, la gente facesse tante domande, dando l’impressione di non aver ben capito. Per fortuna la risposta in sala è stata positiva. Adesso abbiamo rotto il ghiaccio, ma ci prenderemo un periodo di meritato riposo dopo un anno di faticose lavorazioni. Servirà a valutare tutto nei dettagli per migliorare lo spettacolo. L’idea è quella di replicarlo (ndr, sono già previste almeno tre repliche in altre città) per farlo conoscere a tutti gli appassionati dei Beatles, che sono tantissimi.”

Presente in sala anche Sergio Magri, ex sassofonista de I Delfini, il mitico complesso musicale attivo proprio in quegli anni, e che per primi in Italia hanno proposto i successi dei Beatles, a quell’epoca ancora poco conosciuti: “Complimenti davvero a Ivo Zorzi, al regista e a tutti gli attori – commenta Magri – Uno spettacolo diverso, bello e coinvolgente. Ottimi gli arrangiamenti dei brani dei Beatles. Un elemento che ha elevato la qualità dello spettacolo”.

The BigBeat
Opera musical-teatrale da un’idea di Ivo Zorzi
Testi di Ivo Zorzi e Francesco Boschiero

Personaggi ed interpreti:
Jude, Francesco Zanlungo
Lucy, Linda Sperindio
Robert, Pasquale Locurcio
Wal, Matteo Ongaro
Jo-Jo, Giacomo Biagetti
Mr. Kite, Ivo Zorzi

Musicisti:
Ivo Zorzi, voce
Andrea Cagnin, chitarre
Lorenzo Turcotte, tastiere
Mauro Bonaldo, basso
Marco Perin, batteria

Regia:
Francesco Boschiero
Aiuto regista: Ilenia Carniel

Direttore musicale:
M° Mauro Bonaldo

Direttrice del corpo di ballo:
Giulia Vidale

Direttore tecnico audio
Matteo Peron

Tecnico luci
Francesco Giacomello

La scena finale di The BigBeat

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *