Articoli

Mina, una giovane tigre di 80 anni

Immensa, unica, voce immortale, la “Tigre di Cremona” spegne oggi 80 candeline.
di Enrico Daniele.    

È un compleanno speciale quello che festeggia oggi Mina Anna Maria Mazzini (Busto Arsizio 25 marzo 1940), considerata la più grande voce italiana di tutti i tempi. Speciale perché segna la sua seconda vita, dopo la prima, conclusasi con il ritiro dalle scene nel lontano 1978, a soli 38 anni.

Stanca della popolarità che la stava soffocando, per i tanti impegni che la vedevano protagonista in radio, televisione, nei locali più prestigiosi d’Italia e nel mondo, Mina decise di ritirarsi nell’agosto del 1978, lontana dai riflettori, dai giornalisti e paparazzi sempre alla ricerca di particolari piccanti della sua vita privata, scoop e flirt, il più delle volte inventati.

Ma non di smettere di cantare.

Mina agli esordi, quando si faceva chiamare “Baby Gate”

Nei successivi 42 anni, infatti, la “Tigre di Cremona” (appellativo che pare fu coniato per lei negli anni sessanta dall’amica giornalista e scrittrice Natalia Aspesi, sua conterranea) non ha mai smesso di regalare al suo pubblico la magnificenza della sua voce. Inconfondibile, dotata di una notevole estensione unita ad una formidabile capacità interpretativa, ha consentito a Mina di rimbalzare agevolmente e con straordinario successo tra i diversi generi musicali, spesso assai distanti tra loro.

Una carriera cominciata quasi per caso, nell’estate del 1958. Mina era in vacanza come ogni anno con la famiglia in Versilia e, sollecitata dagli amici, salì sul palco della mitica Bussola di Sergio Bernardini. Una prima volta che lasciò tutti sbalorditi, per primo lo stesso Bernardini che nelle serate a seguire faticherà a contenere l’irruenza artistica della “Mina urlatrice”, come verrà in seguito definita dalla stampa di allora assieme ad altri cantanti emergenti dell’epoca: Adriano Celentano, Little Tony, Giorgio Gaber, Betty Curtis.

Dalla Bussola in Versilia al successo televisivo di “Baby Gate” (il suo primo pseudonimo): un salto enorme, non per Mina, che debutta nientemeno a “Lascia o raddoppia” di Mike Buongiorno nel marzo del 1959 e successivamente invitata da Mario Riva nel popolarissimo spettacolo “Il musichiere”, dove ripropone “Nessuno”, il suo primo successo. Con lo stesso brano partecipa a “Canzonissima 1959” e riceve i primi riconoscimenti (“Juke Box d’oro” e “Microfono d’oro”) che le aprono la strada per gli anni sessanta, quando arriverà la sua definitiva consacrazione.

Il debutto al “Festival di Sanremo” nel 1960 e nel 1961 la cocente delusione per un inaspettato quarto posto segna anche la fine delle apparizioni di Mina al Teatro Ariston.

Tuttavia, per lei si aprono le porte dei palcoscenici internazionali: Spagna, Giappone, Venezuela, Francia, Austria, Argentina. Nel 1962 un sondaggio la ritiene la cantante del momento più pagata d’Europa.

Ma il successo ha un suo prezzo.

Lo “scandalo”: Mina con Corrado Pani, padre di Massimiliano

Infatti, dopo la nascita di Massimiliano nell’aprile del 1963, figlio avuto da una relazione con l’attore Corrado Pani (che era sposato con l’attrice Renata Monteduro), la stampa mette in atto un accanimento mediatico senza precedenti, alimentato dall’Italia bacchettona di quei tempi.

Uscita temporaneamente per lo scandalo dalle scene televisive, vi farà ritorno solo nel 1964 alla “Fiera dei Sogni”, cui seguiranno le indimenticabili conduzioni di “Studio Uno”. Celebre la puntata con Alberto Sordi dove l’attore romano (del quale si ricorda quest’anno i cento anni dalla nascita) si rivolgerà a Mina con una frase rimasta negli annali della tv: “Quanto sei bella… sei la più grande cantante del mondo. Sei grande grande grande…sei ‘na fagottata de roba”.

Alberto Sordi e Mina a Studio Uno (ph. RAI)

Nel 1968 un’affermatissima e popolarissima Mina conduce “Canzonissima” in coppia con Walter Chiari e Paolo Panelli. Vera regina del sabato sera, presenta in seguito “Teatro 10” (1972) e “Millelluci” (1974).

Gli anni settanta segnano per lei altri successi. Nel 1975 una delle pietre miliari nella storia musicale di Mina: esce la stupenda, scandalosa, “L’importante è finire”, e nell’estate del 1978 l’altrettanto scabrosa “Ancora ancora ancora”, pezzi entrambi scritti per lei da Cristiano Malgioglio. L’esibizione in tv di quest’ultima, sigla del programma Mille e una luce”, subisce la scure della censura, che ne limita i particolari sulla bocca di Mina, e di fatto segna il suo addio alla televisione.

Un’immagine di Mina degli anni ’70

Da lì a poco la sua ultima esibizione dal vivo, da dove era partita: il 23 agosto 1978 l’ultimo concerto al “Bussoladomani” in Versilia.

Per assurdo, scomparsa dalle scene, Mina ha continuato a far parlare di sé e, probabilmente, ad aumentare la sua popolarità anche in coloro che non hanno mai potuto apprezzarla dal vivo.

Enormi i successi, anche dopo il ritiro. Impossibili elencarli tutti, come impossibile ricordare i duetti con i più grandi cantanti ed interpreti italiani ed internazionali. Una enormità la vendita discografica costituita da più di 150 milioni di dischi, divisi in 72 album in studio, 3 dal vivo, 40 raccolte, 17 EP, 145 singoli, 6 album video e 5 colonne sonore.

Le uscite discografiche più recenti di Mina: gli album “Maeba” (2018), ”Mina Fossati” (2019) e il brano “Luna diamante” inserito nella colonna sonora del film “La dea fortuna” di Ferzan Özpetek.

Mina duetta con Fossati

In uscita un inedito album scritto dal cantautore genovese
di Enrico Daniele

In comune, Mina e Ivano Fossati, oltre che essere due nomi noti della canzone italiana, hanno anche la prematura scelta di abbandonare le scene.

Poco propensi alla vita pubblica e mondana, ma entrambi con una notevole carriera artistica alle spalle, i due artisti ad un certo punto decidono di dire basta col palcoscenico. Come i Beatles, stanchi e “impauriti” dalle folle oceaniche che li inseguivano ai loro concerti ad ogni angolo del mondo.
Mina all’apice del successo, decise di farlo nel 1978, lasciando sbigottiti i tanti ammiratori. Fossati più avanti, nel 2011, probabilmente perché non si riconosceva più, come artista, nel modo di fare musica di oggi.

Stimolato dall’invito di Mina, il cantautore genovese non ha saputo rifiutare: “Ho smesso, ma a lei non potevo dire di no. Non cambio la mia decisione: niente dischi, niente concerti – chiosa Fossati – ma nessun musicista sano di mente avrebbe detto di no a Mina”.

Ecco allora che scrive gli undici brani per un nuovo album in uscita il 22 novembre per la Sony Music, intitolato MinaFossati, cantati in duetto con la più grande interprete italiana di tutti i tempi.
Qualche “contatto”, in verità, in passato tra i due c’era stato: Mina aveva interpretato alcuni brani di Fossati (Stasera sono qui, Non può morire un’idea, Matto, Cowboys e La casa del serpente); a sua volta il cantautore compariva, per un doveroso omaggio alla cantante, nel finale di “Notturno alle tre”, altro suo brano cantato da Mina.

E se di Mina tutti conosciamo l’infinito talento di interprete, di Fossati, dopo l’esordio sanremese nel 1972 con “Iesael” dei Delirium, in molti dimentichiamo i successi delle canzoni scritte per Patty Pravo (Pensiero stupendo), Anna Oxa (Dedicato, Non sono una signora), Loredana Bertè (Traslocando). A Mina era destinato “E non finisce mica il cielo” che invece divenne un must di Mia Martini con la quale Fossati visse anche una complicata storia sentimentale per essere poi definito, dalla brava e sfortunata cantante calabrese, il suo “amore più grande”.

Di Fossati sono le musiche di “Anime salve”, ultimo capolavoro di De André. Come solista il suo brano più noto resta sempre “La mia banda suona il rock”, ma molti altri ne ha scritti e cantati per un pubblico di nicchia, il suo, avulso dagli stilemi degli altri cantautori contemporanei all’artista.

Dopo i duetti con Celentano, ecco che Mina si ripresenta ai propri fans in coppia con Fossati per un’opera che unisce due voci tanto diverse quanto belle, unitamente ai testi di indubbia qualità.

La tracklist dell’album Mina Fossati
1. L’infinito di stelle
2. Farfalle
3. Ladro
4. Come volano le nuvole
5. La guerra fredda
6. Luna diamante
7. Tex-Mex
8. Amore della domenica
9. Meraviglioso è tutto qui
10. L’uomo perfetto
11. Niente meglio di noi due

La Tigre ruggisce ancora: in uscita Maeba, il nuovo album di Mina

È lei la “Voce” italiana per antonomasia, la “Tigre di Cremona”, “…una fagottata de robba…” come l’aveva scherzosamente definita Alberto Sordi in un famoso sketch tv a Studio Uno nel 1966. Mina Anna Mazzini, per tutti solo Mina, è unanimemente riconosciuta come una tra le più grandi cantanti italiane, forse la più grande. Dotata di una notevole estensione vocale, nella sua carriera ha saputo spaziare tra generi musicali molto spesso diversi tra loro. A pochi giorni dal suo 77esimo compleanno (Busto Arsizio, 25 marzo 1940) la grande cantante, allontanatasi volontariamente dalla scena pubblica nell’agosto del 1978, torna a sorprenderci con un nuovo album da solista (in uscita il 23 marzo prossimo) abbandonando temporaneamente il fortunato sodalizio con Adriano Celentano.

Il disco (in vinile e in cd) dal titolo “Maeba”, conterrà 12 tracce inedite oltre ad un brano proposto in anteprima (9 marzo) per i suoi fan: “Volevo scriverti da tanto”, una ballata melodica composta da Moreno Ferrara, per i testi di Maria Francesca Polli e la produzione del figlio di Mina, Massimiliano Pani, che è anche l’arrangiatore e il produttore di tutto l’album.

Svelata la copertina dell’album: una elaborazione grafica del volto della grande cantante italiana.

“E qualcosa rimane”: parte la stagione dei concerti al Cinema REX di Padova

Mina, Gaber, Nomadi e De André: dedicati a loro i primi 4 concerti
La Memoria, le Donne, il Viaggio e l’Amore i temi trattati nella seconda parte della rassegna.

di Enrico Daniele
Inizia sabato 14 ottobre 2017 “E qualcosa rimane”, la stagione dei concerti al Cinema Rex di Padova. Continua a leggere

Eventi

Nessun risultato

Spiacente, nessun articolo corrisponde ai tuoi criteri